Primavera

“Sei tornata ridendo dal mercato, carica
di pane, frutta e un’infinità di fiori. Sui tuoi capelli, vedo,
ha passato le dita il vento.”

Ghiannis Ristos

Nell’ultimo anno, gioco forza, ho iniziato ad apprezzare il fare la spesa nei piccoli negozi del paese. Non ce ne sono molti qui, spesso tra l’andata e il ritorno dall’ufficio mi fermo nei negozi più grandi lungo il tragitto.

Queste ultime settimane però, divisa tra smart working e didattica a distanza, mi trovo molto spesso a scendere a piedi in paese, con il carrellino “da nonna”, e comprare l’essenziale nelle poche botteghe in centro.

Al Pastrugno, piace particolarmente andare dalla fruttivendola.

Non conosco molte persone capaci di entusiasmarsi così tanto davanti a un bancone di frutta e verdura.

Ogni volta che andiamo si prepara come se fosse una festa, indossa il cappello tipo panama che gli ha regalato il nonno, si porta i soldi della paghetta per comprare le sue cose e il carrellino lo vuole portare lui, per aiutarmi dice. Quando arriviamo al negozio la signora sorride e mi dice: “Eccolo qui, lui è già grande!”

Parte poi a scegliere le cose che più lo attirano, lei gli spiega e lo consiglia sui prodotti migliori. Io li osservo, intervengo al bisogno, ma per lo più lo lascio fare.

Tornando verso casa mi chiede se possiamo andare tutti i giorni a comprare la frutta, perché a lui piace tantissimo. Io sorrido.

Mi sto entusiasmando anche io, perché sto ritrovando quell’atmosfera che era parte della mia infanzia, quando con mia nonna andavamo al mercato rionale a comprare cassette di pomodori San Marzano per fare la conserva.

Quando passavamo i pomeriggi a pulire fagiolini, piselli e fagioli freschi, e si faceva merenda con la panzanella.

Sto riscoprendo il piacere di fare le cose con calma, a godermi il momento, a soffermarmi a guardare il paesaggio mentre torno a casa.

È una bella sensazione, sapere di essere ancora capace di stupirmi di fronte a un albero in fiore, a un tramonto, ad una luna piena particolarmente suggestiva. Scoprire di riuscire ancora a guardare le cose con la curiosità dei bambini.

La primavera sta arrivando, con tutti i suoi colori, e i miei occhi fanno il pieno di bellezza.

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

7 risposte a Primavera

  1. newwhitebear ha detto:

    Idraukico o idraulica?
    Splendide foto. Finalmente qualcuna che non maledice smart working o didattica a distanza. Slow motion dunque… senza la frenesia di correre.
    Grazie per il passaggio e un caro saluto

    • svivipuntoit ha detto:

      Direttore o direttora? 😂
      Ci sarebbe da fare un lungo discorso su questo, considera che faccio la modellista, che al maschile è sempre modellista. La distinzione maschile e femminile nel mio mestiere esiste solo al plurale.
      Tornando al post, cerco di accettare la situazione trasformandola in risorsa, Combatterla, secondo me, sarebbe inutilmente estenuante.

  2. kitchenclue ha detto:

    Belle foto!!!🥰🥰

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...